CfP ISA RC52 | Navigating turbulence: Professions in an era of multiple crises

Over the last decade, numerous global challenges have emerged. From financial crises, unemployment,
rising precarity, and retrenchment of public funding through the COVID-19 pandemic and workplace changes,
including digitalization, to wars and violence, professionals have had to navigate turbulence. Nonetheless,
professionals continue to play a critical role in interpreting change and defining and applying norms and rules, thereby giving meaning to social life. In the context of change, however, professionals experience
profound alterations in their careers, roles, and tasks, which require them to reshape their own professional
identities. On a global scale, processes of differentiation associated with growing inequalities can be observed across professions.

The 2024 Interim Meeting (24-26 June, Sapienza University of Rome, Rome), aims to address these critical issues from a range of theoretical and analytical perspectives, with the ultimate goal of furthering the debate on professions and professional groups (HERE more info about the conference).

Please submit your proposal via e-mail (rc52rome2024@gmail.com) no later than 1 April 2024 (HERE the full call).

The proposals must be sent in a Word file, be written in the English language, and include:
• Preferable session (see the list and detailed descriptions of the sessions below);
• Title of the paper;
• An abstract of no more than 200 words;
• Name(s) and contact details (affiliation, country, e-mail) of the author(s).

Premio Biella letteratura e industria

Si segnala il bando (scaricabile QUI) del Premio Biella Letteratura e Industria, che ricerca e premia opere che descrivono e analizzano momenti e modelli di trasformazione della società italiana con riferimento generale alla realtà socioeconomica e specifico alla cultura industriale.

Nell’edizione 2024 il premio viene assegnato dalla giuria ad un’opera di saggistica pubblicata tra il 1° gennaio 2022 e il 31 dicembre 2023.

Deadline: lunedì 11 marzo 2024

All’autore dell’opera vincitrice verrà assegnato un premio di Euro 5.000, ai quattro finalisti un premio di Euro 1000.

QUI maggiori informazioni

CfP Cartografie sociali | Dentro e oltre il reddito minimo condizionato: Prospettive critiche a confronto

In linea con la prospettiva simmeliana, secondo cui gli stessi strumenti di assistenza sociale contribuiscono a creare e definire il “povero”, nel numero 18 del 2024 di Cartografie Sociali si vogliono raccogliere dei contributi che riflettano, secondo una prospettiva critica, intersezionale e internazionale, sulle forme di reddito minimo contemporanee. QUI la call (a cura di Maristella Cacciapaglia e Federica Graziano).

Gli abstract, di massimo 500 parole, possono essere inviati entro il 15 marzo 2024 ai seguenti indirizzi email: maristella.cacciapaglia@unimi.it; federica.graziano_@libero.it e in copia a cartografiesociali.rivista@gmail.com

 

CfP Sociologia del lavoro 2024-2025 | Sezione saggi

Questa Call for papers riguarda articoli a tema libero che saranno valutati per la pubblicazione nella sezione «Saggi» nel corso delle annate 2024 e 2025. Si invitano pertanto gli studiosi e le studiose italiani/e e stranieri/e, esperti/e e operatori e operatrici sociali a proporre contributi su tematiche concernenti il lavoro, con riferimento alle variegate articolazioni che esso assume nell’economia formale e informale e relativi mercati, organizzazioni e istituzioni; ai diversi principi di organizzazione sociale in riferimento al tempo, allo spazio, alla dimensione di genere, di età, ecc.; ai molteplici fenomeni e aspetti con cui si intreccia: dalla conoscenza, ai processi formativi e alla politica, dalla vita familiare al tempo libero, dai processi migratori ai dispositivi di welfare, fino alle più recenti trasformazioni del lavoro nell’economia digitale.

Le proposte di saggio, in versione completa (in italiano o in inglese), per un massimo di 8.000 parole (inclusi abstract, riferimenti bibliografici, tabelle, grafici e note), dovranno essere caricate entro il 31 dicembre 2024 QUI.

QUI la call completa.

CfP Sociologia del lavoro | La “posta in gioco” nei conflitti di lavoro: sguardi sociologici a partire da Alain Touraine

La Special Issue della Rivista Sociologia del lavoro N. 170(3)/2024 “la posta in gioco dei conflitti di lavoro”, a cura di Bianca Beccalli (Università di Milano), Guglielmo Meardi (Scuola Normale Superiore, Firenze), Paola Rebughini (Università di Milano), offre la possibilità di unire riflessioni di lunga data a quelle più recenti, aprendo il dibattito su quale sia il terreno principale dei conflitti di lavoro oggi. Se l’ineguaglianza è cresciuta in Italia come nella maggior parte dei paesi negli ultimi decenni, la sua traduzione in termini di conflitti sociali non è affatto meccanica. Per Touraine (1984), la classe è un attore storico e quindi o è “classe per sé”, o non è classe. Oggi assistiamo a ridefinizioni delle posizioni nei conflitti economici: si prenda ad esempio lo slogan “we are the 99%” del movimento Occupy, lontano da una concezione di classe tradizionale, o l’emergere della categoria di “precariato”, in tensione con quella di “salariato” (Meardi et al., 2021). Forme di protesta come scioperi dei migranti o scioperi femministi contrastano con la preferenza generale di molti sindacalismi, come quello italiano (Beccalli e Meardi, 2002), per un egualitarismo generale indifferente alle differenze, e hanno aperto il campo nello studio dei conflitti di lavoro a approcci intersezionali attenti alle questioni di identità (Tapia e Alberti, 2019). Dietro queste ridefinizioni stanno diverse concezioni della posta in gioco (progresso, informazione, libertà, dignità, affermazione della propria identità…) che rimangono però implicite, il che spiega la difficoltà attuale oggi di elaborare rappresentazioni politiche del lavoro, dopo il declino di quelle tradizionali socialdemocratica e comunista.

La Special Issue è aperta a contributi sui conflitti di lavoro che direttamente o indirettamente affrontino oggi le questioni classiche della sociologia tourainiana, in un momento storico in cui le molteplici crisi sociali pongono la domanda del livello della “posta in gioco” e viene riscoperta l’importanza del dialogo tra studi del lavoro e studi dei movimenti sociali (Cini, 2021).

Gli articoli, in italiano o inglese e di una lunghezza massima di 8.000 parole, devono essere caricati QUI entro il 15 aprile 2024.

QUI la call completa

CfP Transfer | Transfer Young Scholar Award 2024

The Editors and Editorial Committee of Transfer invite submissions for the Transfer Young Scholar Award 2024. Young scholars not yet awarded a PhD (or who are within three years of having been awarded a PhD) who are working on issues relevant to current challenges in the world of work, social policy, industrial organisation, and labour market developments in Europe are encouraged to submit their original research for publication in Transfer. The best submission will be published in the 4th issue of Transfer in 2024 and ahead of print via OnlineFirst.

The deadline for submissions to the Transfer Young Scholar Award 2024 is 1 February 2024.

HERE more info

Seminar Day | Is work not working anymore? Meaningfulness and refusal of work in the post-pandemic scenario

The workshop (HERE more info) aims at exploring the manifold ways in which work is experienced and discussed by workers, particularly looking at relation between identity and work in post-industrial societies. It questions the re-emergence of forms of detachment, resignation, and refusal of work, in a context characterized by novel and hybrid forms of work and employment, seeking to answer the question: “is work not working anymore?”.

Organizing committee: Costanza Guazzo, Gianmarco Peterlongo, Alessandro Gandini (University ofMilan)
Keynote speakers: Francesca Coin (SUPSI), David Frayne (University of Manchester Salford)                                      Date and place: University of Milan, 5th March 2024

The organizers seek original theoretical and/or empirical, quantitative and/or qualitative contributions, in English, that will deepen the understanding of the trajectories of the metamorphosis of labour in contemporary societies, focusing especially – but not exclusively – on post-industrial Western societies. The aim of this special issue is to advance the knowledge on any of the following, or related, topics:

– Refusal of work, voluntary resignations, quiet quitting, misbehaviour on the workplace.
– Meaningfulness of waged and unwaged work in post-industrial societies.
– On- and off -line forms of workers’ collective voice.
– Work-life balance, workers’ health & the psychological impacts of work.
– New forms of work.

Abstracts (300 words max) should be sent to the workshop organizers by 2 February 2024
via THIS FORM.

CfP ESS Conference | Session: Job segmentation, social fragmentation, individual attitudes and beliefs. Where do we stand?

The 5th International European Social Survey (ESS) Conference “Addressing grand societal challenges cross-nationally: Investigation, innovation and insights from 20 years of data” will be held at ICS – University of Lisbon and ISCTE – University Institute of Lisbon, Portugal, from Monday 8 until Wednesday 10 July 2024 (Here more info).

The session “Job segmentation, social fragmentation, individual attitudes and beliefs. Where do we stand?”, chaired by Sara Romanò (University of Torino) and Alessandro Sciullo (University of Torino), aims to contribute to the ongoing debate on the evolving relationship between work and values and attitudes over time and across different countries by inviting scholars to exploit the great potential of the knowledge basis provided by ESS data.

The session especially welcomes contributions:
– Adopting a comparative and/or longitudinal perspective.
– Considering job position in the labor market encompassing its various aspects: employment form, status, and sector, occupation.
– Merging ESS data with other datasets allowing multilevel analysis also including the impact of institutional arrangement. that consider the contribution of institutional arrangement.

Abstracts should be submitted HERE by Wednesday 31 January 2024. HERE more info.

 

 

CfP Autonomie locali e servizi sociali | Le peculiarità del caso italiano nelle politiche di contrasto alla povertà

L’abolizione del Reddito di cittadinanza (RDC) e la sua sostituzione con l’ennesima misura categoriale nel contrasto alla povertà, l’Assegno di inclusione (ADI), riporta l’Italia ad essere l’unico paese europeo privo di una misura di universalismo selettivo per tutti i poveri.
Da un lato, dunque, il comparto dell’assistenza sociale del nostro paese aumenterà il già alto tasso di frammentazione e duplicazione di misure destinate a specifici gruppi di poveri, con l’effetto di determinare un’inefficiente gestione della spesa sociale e una limitata equità nell’impatto di queste misure. D’altro lato si conferma in Italia, a differenza di tutti gli altri paesi europei, un comportamento che si può definire ondivago rispetto alla adozione di schemi di reddito minimo garantito e alla loro interpretazione: introdotti in via sperimentale, non confermati, riproposti con coperture limitate, poi estesi, infine abrogati.

Questa sezione monografica n. 3/2024 della Rivista Autonomie locali e servizi sociali a cura di Gianluca Busilacchi (Università di Macerata) e Enrica Morlicchio (Università di Napoli Federico II) intende indagare i motivi prevalenti che hanno portato alle peculiarità del caso italiano nel contrasto alla povertà tramite misure di reddito minimo. QUI la call completa.

Modalità di presentazione delle proposte

Inviare un paper di lunghezza compresa tra le 45.000 e 50.000 battute (spazi e note inclusi), in italiano o in inglese, entro il 15 maggio 2024 all’indirizzo: autonomielocalieservizisociali@gmail.com.

 

 

CFSs ISA RC52 interim meeting 2024 | Navigating turbulence. Professions in an era of multiple crises

The ISA RC25 2024 Interim Meeting will take place in Rome at Sapienza University of Rome from 24 to 26 June 2024.

RC52 invites submissions of session proposals addressing the issues below in all professional areas,
whether theoretical or empirical in nature and based on multiple or single case studies or comparative analyses.

Over the last decade, numerous global challenges have emerged. From financial crises, unemployment,
rising precarity, and retrenchment of public funding, through the COVID-19 pandemic and workplace changes
including digitalization, to wars and violence, professionals have had to navigate turbulence. Nonetheless,
professionals continue to play a critical role in interpreting change and defining and applying norms and rules, thereby giving meaning to social life. In the context of change, however, professionals experience
profound alterations in their careers, roles, and tasks, which require them to reshape their own professional
identities. On a global scale, processes of differentiation associated with growing inequalities can be observed
across professions.

Proposals are to be sent to rc52rome2024@gmail.com

Deadline:  31 January 2024.

HERE more info on the proposals. The site of the conference is available HERE.